Come (fare) Quando Fuori Piove

18 Feb

Dalle mie parti, quando si insegna a un bambino a giocare a scala 40 o Machiavelli si dice sempre “Come Quando Fuori Piove” per far ricordare l’ordine dei segni quando si cambiano i jolly o le altre carte con un segno che è sul tavolo: Come è Cuore, Quando è Quadri, Fuori è Fiori e Piove è Picche.

Ora con la piccola pera ci stiamo addentrando nel mondo del memory, per le scale, scope e briscole è ancora troppo piccola ma quando fuori piove -o nevica, o tuona, o in casa abbiamo tutti la febbre alta- bisogna trovare dei diversivi attraenti più della televisione per passare giornate e giornate chiusi in casa.

Lo dico da esperta, perché abbiamo fatto un gennaio pieno di catarro, termometri e tachipirina, e giusto in questi giorni la neve dalle nostre parti ha sotterrato le scale, blindato i portoni e nascosto le auto. Altro che “cucù!”. Avevamo bisogno di inventarci qualcosa.

Cosa fare quindi con una bambina di due anni quando si deve rimanere in casa?

1. Facciamo finta che…

La prima attività a cui ci siamo dedicate è stato far da mangiare: abbiamo prodotto una buonissima torta al cioccolato (senza uova e senza lattosio). Per i bambini dai due ai tre anni interpretare dei ruoli è molto importante, così come è importante e istintivo copiare ciò che la famiglia fa o dice per apprendere come si vive. Insegnare il gioco del cucinare per me è molto divertente perché mi riporta indietro negli anni quando ero io la piccola attrice, e poi vedo la pera impegnarsi e riuscire ed essere soddisfatta per avermi aiutato e questo non ha prezzo.

cucinare una torta al cioccolato con i figli

Se non si ha voglia di fare disordine in cucina comunque i piccoli giochi d’interpretazione possono essere ricreati in qualsiasi ambiente: potete allestire un supermercato per giocare a fare la spesa con un cestino e dei ritagli del giornalino delle offerte del negozio come i prodotti veri; le poste saranno un tavolino, fogli, buste e timbri, con la fila dell’attesa e magari qualche lettera da spedire agli amichetti e cosi via… Date spazio alla fantasia!

2. I giochi manuali

Dopo il “facciamo finta che” abbiamo fatto un po’ di lavori manuali: i Lego Duplo -quelli soliti un po’ più grandi dei soliti lego e con colori anche più vari- ci piacciono molto e costruiamo molte torri e animali fantastici per lo più. Questo è un gioco che Camilla apprezza sia stando da sola che con noi; a me piace lasciarla fare perché impara l’autonomia e il “sapersi bastare” ma spesso io e papà troviamo sempre un ritaglio di tempo per intrufolarci perché diciamolo: i Lego piacciono anche a noi! 😀

costruzione di lego duplo per giocare

A Camilla piacciono anche giochi in cui impila le cose -libri e dvd in primis, gli album con gli adesivi stacca attacca e anche i puzzle molto molto facili (abbiamo una scatola della Django con quattro puzzle fatti rispettivamente di due, tre, ancora tre e quattro pezzi. Lei impara da sola la difficoltà e piano piano aumenta il livello di manualità nel comporre il pezzo).

3. Attività fisica

Quando abbiamo bisogno di fare attività fisica e siamo in forma ma fuori proprio non si può andare ci piace ballare e fare musica! Qui da mia suocera (la nostra postazione momentanea) abbiamo in circolazione per casa due cd che vanno in loop: uno di Raul Casadei e il primo album degli Aqua. Due generi molto diversi che si adattano bene ai diversi stati d’animo della giornata ma, è molto difficile proporre qualcosa di nuovo. Poteva andare peggio in effetti, anche se Raul Canta “La voglio verginella” e gli Aqua propongono “I’m a Barbie Girl”… nostra figlia poteva innamorarsi di un album di Marilyn Manson o diventare fan di qualche cantautore hipster, chessò. 😀
Comunqe ci appassioniamo molto e creiamo dei veri e propri passi di danza moderna, a volte facciamo dei musical, a volte seguiamo la musica con tamburelli, flauto e pentolini, a volte mi rifugio sul divano e lascio fare il lavoro sporco alle nonne perché io non ho tutta quella energia.

Un’altro tipo di attvità fisica che mi sono inventata con quello che avevo in casa è la percorso di psicomotricità. Praticamente ho messo insieme dei pezzi di giochi per costruire un percorso ad ostacoli in cui la pera può scavallare liberamente o seguire le mie istruzioni vocali. Non ho nessuna nozione tecnico-scientifica, nel costruirla vado ad ingegno con quello che mi capita sotto tiro: ho un ricordo vividissimo dei miei primi giorni di asilo nido in cui facevamo la “danza del serpente” seguendo un percorso di questo tipo e in cui io ero ovviamente intrippatissma. Si sa i genitori tendono sempre a replicare le proprie passioni per insegnarle ai figli.

insegnare psicomotricità ai figli in casa

Qui ne avevo costruita una usando la montagna di libri come una scala, da cui saltare, le ciabatte erano da schiacciare una volta con il piede sinistro e una con il destro, la pista del trenino di IKEA era sfruttata come cerchi in cui saltare dentro; poi un giro intorno all matrioska e tutto da capo!

4. creatività e colori

Se sono io ad essere k.o. lascio che la pera si intrippi con pennarelli, fogli e matite. Ogni giorno che passa diventa sempre più brava e mantiene sempre di più il controllo del movimento mentre colora (mother’s proud mode:on). Quando era più piccola preferiva fare disegno libero, ora si è abituta ai libri da colorare che le regaliamo (ammazza ma quanto costano?!) e sta delle mezz’ore a passare il pennarello dentro le righe – anche se di solito  la figura che viene colorata è monocromatica 😀

Una volta quando Camilla aveva la sesta malattia ho trovato in edicola questo super poster della Peppa da colorare che era più grande di lei; ci è servito parecchio come metodo di distrazione, ed è durato settimane intere anche dopo la malattia. Lo stesso effetto si può ottenere stampando tanti disegni personaggi dei cartoni sui fogli A4 e poi attaccandoli l’uno alll’altro con dello scotch, sul retro.

5. Leggere, leggere, leggere

Leggiamo spesso e un sacco di cose varie. I libri che le leggevamo quando aveva 18-24 mesi ora li sa a memoria e li legge lei a noi: sono di quelli un po’ più facili, senza troppe parole e lei ricorda il significato attraverso le figure; ora qui abbiamo tutta la biblioteca Disney che apparteneva al papà e alla zia e leggiamo storie come “la giornata nera di Paperino” dove tutti sono tristi e “Pippo e l’amicizia” dove Pippo scambia la mucca della vicina per mangiare dal fornaio (ma state tranquilli, lei non si offende). Sono storie scritte probabilmente durante un trip allucinogeno ma è un momento di routine molto tenero dove ci rilassiamo tutti e tre.

camilla mentre legge il libro dal titolo "io sono acqua"

6. Il tuo contributo

Quali sono secondo te le attività più divertenti da fare in casa? Ogni genitore ha il suo modo di intrattenere i propri figli, e questi sono i miei spunti per sopravvivere ad una giornata di pioggia.

Invece quali sono i tuoi? Che attività fai in casa con il tuo bimbo?

 

Annunci

3 Risposte to “Come (fare) Quando Fuori Piove”

  1. ilaria 22 febbraio 2015 a 18:00 #

    Noi qua si va anche di nascondino, 1 2 3 stella, pennelli e acquerelli, didó, travasi con pasta o riso e caccia molesta ai gatti.

    Liked by 1 persona

    • Marty - Dilloallamamma 25 febbraio 2015 a 09:44 #

      Bellissimo nascondino! Ha imparato le regole, sa che quando la trovi tocca a lei?
      Anche adesso il travaso con la pasta lo sto usando come espediente mentre lavoro al pc. Però poi c’è da pulire per terra!

      Mi piace

  2. Rita 15 luglio 2017 a 08:36 #

    Con la mia bambina di 4 anni quando fuori piove ci mettiamo a fare i puzzle, a leggere qualche libricino delle fiabe, colorare, insomma di tutto un po’. Anche a nascondino giochiamo 😀 Invece la grande ormai mi ha condizionato nel riempire casa realizzando puzzle. Sono molto belli però se si continua così, non saprò più dove metterli 😀

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: