prima: l’attesa; durante: il parto. E il dopo? Verrà dopo

9 Dic

Attenzione, questo è un post lungo: dotatevi di connessione veloce e molta pazienza

E così, come dice Elli, devo aggiornavi un pochino su tutto quello che è successo. Sono passati due mesi e più ed è l’ora di ricordarsi momenti che poi andranno perduti nella memoria.

L’attesa

Nei due mesi prima del parto rimandavo sempre la scrittura di post, ero talmente presa dall’organizzazione della casa nuova, dal lavoro e dai giri burocratici che non riuscivo neanche a pensare a cosa scrivere. E poi, in effetti, che cosa avrei potuto scrivere? Della mia incapacità cronica di riuscire anche solamente a immaginare dei mobili imbullonati al muro senza scoppiare in lacrime isteriche? O dei miei ormoni ballerini che mi facevano rifare il letto in maniera maniacale almeno 3 volte al giorno e senza l’aiuto di nessuno (sempre per evitare gli isterismi)?

Insomma sono cose che dovevo affrontare da sola, accanto al mio compagno e a delle amiche speciali di un clan segreto, e una sorella acquisita, che mi ascoltavano durante le mie lamentosissime chat piene di paranoia. Ne siamo usciti vivi con buoni risultati, direi.

Siamo arrivati a pelo con l’organizzazione dell’Angolo di Camilla giusto in tempo per il travaglio. Quella stordita del negozio di articoli per l’infanzia di San Secondo ci ha messo 3 settimane per farci arrivare il passeggino, e avevo l’ansia di dover portare a casa la Milla in braccio sprovvista di ovetto e culla e continuavo a dire “appena arriva partorisco, appena arriva lo sento mi arrivano le contrazioni”. Simo è stato mezza giornata con la ragazza del negozio, ci hanno recapitato il passeggino a casa e il giorno dopo… mi si sono rotte le acque. 😀

Il parto

Sabato 22 settembre, con un nuovo passeggino in casa, mi sveglio, mi siedo sul bordo del letto, alzo un piede per infilarmi le calze antiscivolo, e mi si rompono le acque. Un dramma. Un dramma perché avevo solo le contrazioni preparatorie, niente di così doloroso. Ho fatto la valigia della bimba (si, ok, sono una ritardataria) e siamo partiti per l’ospedale di Vaio, a Fidenza.

Devo aprire una parentesi per complimentarmi con la struttura e soprattutto con chi lavora lì dentro. Il parto è un momento così delicato della propria vita che bisogna veramente essere trattati con rispetto. Le ostetriche che mi hanno seguito, Lodovica ed Eleonora, hanno capito chi ero e come dovevo essere incoraggiata in tutta la fase del travaglio. Sono state presenti, affettuose, decise. Mi hanno tenuto la mano, sono state in silenzio, mi hanno parlato nei momenti opportuni. Hanno ascoltato le nostre richieste e il loro lavoro è stato professionale, attento e preciso. E poi tutto il personale è stato attento durante i mei quattro giorni di degenza. Se qualcuno deve partorire in provincia di Parma, io consiglio l’ospedale di Vaio 🙂

Tornando a noi, mi si sono rotte le acque e siamo partiti in fretta per l’ospedale: là mi hanno registrato, chiesto il nome della bimba (ma non si può più fare quella cosa di aspettare di vederla in viso per scegliere il nome?) e fatto un sacco di tracciati. Siccome non avevo contrazioni utili, abbiamo concordato con l’ostetrica di indurre le contrazioni con l’ossitocina la mattina seguente. Il fatto di essere stata ricoverata un giorno prima senza dolore, con la calma di ambientarmi in quel luogo e prendere familiarità con le persone mi ha reso più tranquilla.

Il giorno dopo mi svegliano verso le sei, faccio un tracciato e intanto chiamo Simo per farlo venire in ospedale (non lo lasciavano dormire lì!). Arriva, mi mettono il cateterino nel braccio e iniziamo con l’ossitocina.

Da lì i miei ricordi variano da un “vividissimo” a un “non me lo ricordo per neinte”. Ho ben chiara l’immagine di mio papà che arriva per il corridoio e io che da lontano gli faccio il gesto di andare via mentre vengo pervasa da una contrazione; mi ricordo i parenti della mia compagna di stanza che aveva già partorito che mi si avvicinavano e gridavano “auguri! auguri!” mentre avevo le contrazioni. Ricordo la folle voglia di ucciderli tutti. Ricordo l’immagine di questa enorme sedia in sala parto in cui ti potevi perfino mettere a testa in giù e il mio terrore di muovermi, cambiare posizione, sentire il dolore in attesa del travaglio attivo. Ricordo il momento di panico e più brutto della giornata in cui non sopportavo più il dolore e l’unica posizione in cui ero messa meglio era in piedi, rinfrescandomi con il banco di marmo del bancone delle ostetriche e guardando il paesaggio fuori dalla finestra. Ricordo la felicità di vedere la mia ostetrica preferita arrivare per il cambio turno, proprio quando dovevo incominciare a spingere. Ricordo il tempo dilatarsi (scusate il gioco di parole) e quel maledetto orologio di fronte alla mia faccia che non ne voleva sapere di andare avanti mentre io spingevo e spingevo e la Camilla non si muoveva di un millimetro! Ricordo la paura di non riuscire a farla uscire, il non saper  come fare, il non saper come muovermi. Ricordo il cd di musica mista che avevano messo su per distrarmi e quell’angosciante canzoncina da circo. Come se partorire fosse una cosa divertente, no? Ricordo simone amorevole e silenzioso, vicino a me in ogni secondo di quella giornata, le sue mani che stringevano le mie o per lo più mi sorreggevano tra uno sforzo e l’altro.

E poi, ad un certo punto, sento un dolore fortissimo; vedo che l’ostetrica volontaria si mette il camice e i guanti, prepara il vassoio con gli stumenti chirurgici e io mi preparo al peggio; invece eccola lì la piccola Camilla che nasce, con i suoi vagiti del primo respiro, in braccio a me con quegli occhioni scuri, tranquilla, bianca, appiccicosa e fiduciosa. E’ lei. Papà taglia il suo scivoloso cordone ombelicale: sta diventando una persona a sè stante. unica, nuova; Benvenuta Camilla.

la mano di Camilla e del suo papà

Annunci

15 Risposte to “prima: l’attesa; durante: il parto. E il dopo? Verrà dopo”

  1. simone 10 dicembre 2012 a 09:06 #

    prima che succedesse tutto, avevo solo una certezza. che sarebbe andato bene. non avevo idea dei casini burocratici da mettere in fila ordinata, delle complicazioni nel trovare casa o quanti e quali mobili avremmo preso. Mi è bastato fare il budget per avere un’idea della fattibilità, per il resto c’era solo tra trovare quella parte di te che ci credeva. anche se ci sono state varie paure, per esempio sul fatto o meno di fare l’epidurale, in pratica dentro di te c’era la voglia profonda di farcela lo stesso. solo che questa voglia ogni tanto non la sentivi. ma bastava ricordartela, che subito ti tornava in mente. sulla preparazione del parto devo dire che secondo me è piu importante del parto stesso. il fatto di avere un ambiente accogliente, di non avere casini all’attivo con la famiglia e avere una situazione economica decente, sono tutte cose molto importanti. Sul parto hai già detto tutto tu quindi credo si possa aggiungere solo una cosa: BRAVA. sei stata bravissima e sono fiero della nostra avventura.

    strano come di tutto quello che abbiamo letto siano rimaste in fondo solo poche linee guida. fai la contabilità, parla alla bimba da subito, ascoltala, trasmettile buone intenzioni… alla fine lei è desiderosa di imparare, fin dal primo respiro… quasi non serve neppure pazienza perchè impara subito 🙂

    Mi piace

    • Marty 10 dicembre 2012 a 14:35 #

      per fortuna c’eri tu a pensare alle cose burocratiche, io avevo la testa da un’altra parte; e tutt’ora faccio fatica a concentrarmi su cose che non siano la bimba (a parte i telefilm 😛 )

      le cose che la bimba impara, sono quelle che noi le mostriamo, e infatti ciò che poi sarà (“fa i capricci” “non dorme” “vuole stare in braccio”) sono reazioni a quello che i genitori insegnano come giusto, e di routine. Per questo mi pare che ce la stiamo cavando molto bene! 😀

      Mi piace

  2. effeferro 10 dicembre 2012 a 10:58 #

    emozioni fortissime in poche righe. bravi entrambi. siete stupendi

    Mi piace

  3. yliharma 10 dicembre 2012 a 12:23 #

    mi hai fatto emozionare tantissimo…vorrei abbracciarti fortissimo adesso ❤

    Mi piace

  4. el 10 dicembre 2012 a 15:41 #

    ora piango un po’. quanto siete belli, tutti e tre.
    organizziamo presto una stritolata di gruppo, peffozza

    Mi piace

  5. Chiari 10 dicembre 2012 a 17:53 #

    Oooooh era ora!!!! =)

    Che meraviglia Marty! Pura meraviglia!

    Mi piace

    • Marty 10 dicembre 2012 a 18:37 #

      Si in effetti è una magia! In ogni caso, più o meno ci sei passata anche tu, quindi sai! 🙂

      Mi piace

  6. stefania 12 dicembre 2012 a 14:27 #

    Semplicemente meravigliosa…… Mi hai fatto piangere!!!!!

    Mi piace

  7. bestiabionda 1 gennaio 2013 a 18:34 #

    io arrivo ora (sempre con la mia dovuta calma e la mia testa fra le nuvole) e mi commuovo.
    mi ricorderò sempre su uozzap: amiche, mi si sono rotte le acque.
    io guardavo il telefono e dicevo: oddio ora ci chiama dalla sala parto, che mito marty.
    poi quando l’ho vista ho pensato solo: perfetta. una tonnina. perfetta. ❤

    Mi piace

    • Marty 1 gennaio 2013 a 18:49 #

      (rido da sola pr l’imbarazzo e la commozione) ❤

      Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: